giovedì 11 gennaio 2007

Così parlò J. Walter Thompson



"Man mano che la globalizzazione fa sembrare il mondo sempre più piccolo, la localizzazione sarà la parola d’ordine del 2007. Il consumo eccessivo e decadente si ridurrà a favore della qualità, del minimo impatto ambientale e del supporto ai produttori locali”.
Parola di Ann Mack, director of trendspotting dell'agenzia JWT, che ha stilato la sua lista dei trend del 2007. Alcuni mi sembrano incoraggianti, altri decisamnete meno.

1. Skype/VoIP;
2. Il Wii e i sistemi di gaming di prossima generazione;
3. Il mercato del social networking;
4. I pop-up store, bar e i ristoranti, in stile installazioni;
5. La tecnologia Shrinky Dink ( Tv piatte e nascoste, gli iPods arrivano a pesare mezza oncia, casse più piccole e meno visibili, e così via );
6. La crescita della nanotecnologia;
7. Le costruzioni sostenibili/bioedilizia;
8. La tecnologia a celle di combustibile a idrogeno;
9. I Veggie-bus: autobus scolastici alimentati a carburante Biodiesel;
10. Il declino dei cibi trans-fat (che non so cosa siano e non lo voglio sapere)
11. La ricerche di talenti per i reality-show;
12. Il giovanissimo fenomeno del Basket dello Stato dell’Ohio, Greg Olden;
13. La paura del terrorismo agricolo;
14. I cibi Halal;
15. L’advertising partecipativo ( advertising user-generated e video-competizioni musicali).

Via: Ninja Marketing

3 commenti:

Smeerch ha detto...

Se nono ricordo male i punti 1,3 e 6 sono identici a quelli previsti per l'anno scorso... e forse anche per il 2005.
Perché non prevediamo invece che l'anno prossimo tutti andranno in giro con i vestiti a rovescio, tipo i Kriss-Kross? :D

poetadisottofondo ha detto...

Evidentemente sono ancora in crescita.
Per quanto riguarda i vestiti, più che i Kriss Kross io continuo a sostenere i Criss Cross :)

Smeerch ha detto...

Io sosterrei volentieri ciò che solitamente è sostenuto dai Criss Cross. :D