lunedì 2 aprile 2007

Spotlandia

Senza passare per snob, da tempo sono sempre più convinto che, a parte qualche eccezione, le cose più interessanti, fresche, innovative che transitano in tv (quella italiana, s'intende) si possano trovare solo tra un programma e l'altro. Oltre a Bruce Sterling, che ha argomentatto questa tesi sul numero di marzo Xl di Repubblica, l'hanno pensata allo stesso modo anche i creatori del sito tellyAds, che hanno messo su un database (in continua crescita) di quasi 3000 spot, una sorta di "notte dei publivori permanente". Per la gioia di tutti gli appassionati che, finalmente, potranno realizzare il sogno di una "Tv without the boring bits: the programmes".

2 commenti:

Smeerch ha detto...

Sì, tutto molto bello. Almeno finché non arriva qualcuno a rompere le scatole con la questione dei diritti e a chiedere la chiusura del sito.

poetadisottofondo ha detto...

credo che il sito vada avanti giù da un pò...forse l'autorizzazione ce l'hanno